Home > Uncategorized > Dedicato alle vegetariane (quelle che conosco son tutte donne…)

Dedicato alle vegetariane (quelle che conosco son tutte donne…)

Fra mezz’ora ci capita qui Mike per aiutarci a portare a casa un divano-letto nuovo/usato. Questo, credeteci o no, ci ha bloccati qui per tutta la mattina. Seconda considerazione: stasera si esce con amici e se magna come deji sfrocedati. Terza premessa: in frigo c’erano alcuni etti di verdure che stavano tristemente passando alla senescenza.
Tradotto in termini più pratici: tempo, necessità di mangiare leggero, materia prima. Ho fatto quindi un brodo di verdura (vegan, non ve lo sto a spiegare perché lo saprete far benissimo) e delle polpette di sedano. Sono venute PORCA MISERIA, quindi ritengo che sia un mio preciso dovere spiegarle.

Serve:

  • una mamma che le sappia fare e ti spieghi la ricetta
  • una tua idea su come dovrebbero venire rispetto a quelle della mamma, che sono buonissime ma le ultime volte ti era rimasto come un fondo di "sì, ma però"
  • sedano, con una quantità spropositata di foglie. Ho già parlato del sedano cinese, io mi ritrovavo quello (perfetto, gambini sottilissimi, profumatissimo, foglie a go-go), ma se uno non lo compera proprio all’esselunga ma conosce un banco del mercato doverosamente ignorante, va benissimo. Meglio quello verde, antipatico da mangiare così perché è troppo forte (e a noi serve che lo sia)
  • le solite minchiatelle da polpette: pane ammollato nel latte, parmigiano, uovo, farina per spolverare le polpette e olio per friggerle

Prima di tutto: la mamma ti dice "Usa solo le foglie. I gambi cacciano acqua e ammosciano tutto. Stufa le foglie con acqua, olio e uno spicchio d’aglio, trita sottile e mescola con metà del volume di mollica di pane ammollata nel latte e strizzata". Dille di sì, tanto hai già deciso che le foglie sono troppo poche e tu i gambi non vuoi sprecarli.
Separa gambi e foglie. Prendi la mannaia che fa tanto maniaco e mozza, tagliuzza e trita i gambi fino ad arrivare a una dadolata fine fine. Metti un goccio d’olio in padella, scalda a fiamma viva e buttaci sedano, lo spicchio d’aglio e un pizzico di sale. Cacciatela ora l’acqua, bastardi!
Asciugati i gambi tritati, trita le foglie e aggiungile. Scalda un po’, mettici dentro un pochino d’acqua, copri la padella e lascia andare. Il tutto deve ammorbidirsi molto bene. Quando è tutto morbido e stracotto, leva il coperchio e asciuga a fiamma media. Leva dal fuoco, butta sul tagliere e trita
Metti la mollica, il sedano stufato (ah, lo hai levato l’aglio o aspettavi che te lo dicessi io?), un uovo, una manciatona assai abbondante di parmigiano grattugiato… Meglio due, va. Spruzzo di sale e pepe. Prendi una forchetta e fa un paciugo d’altri tempi.
Acchiappa manate di questa cosa un po’ disgustosa al tatto, appallottola degli affari grossi circa una noce o poco più, rotola bene nella farina. Scalda ben bene mezzo dito d’olio in padella, friggi croccante. Se le fai schiacciate non ti serve usare troppo olio ed escono più asciutte. Buttale su un foglio di carta da cucina e falle intiepidire, sono più buone.
In cottura avevo promesso a me stesso "non le farò mai più, troppo una palla". Ora, che vi devo dire? Le rifarei anche domani, avessi il tempo e il sedano. A Bostoniana non erano piaciute quelle di mamma, queste le ha adorate. Segno che l’amore è cieco o che davvero mi sono venute meglio, come mi ero prefisso.

Advertisements
  1. dicembre 12, 2006 alle 11:37

    bòne! io pure! certo…un po’ complicate…… ma la signora in dolce attesa ha sicuramente un gusto più delicato ora…..

  2. dicembre 18, 2006 alle 01:05

    Gnam!

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: