Home > Uncategorized > Won’t get fooled again

Won’t get fooled again

Con questa, direi che mi sono succhiato la banda mensile di upload, quindi la faccio basta.

Advertisements
Categorie:Uncategorized Tag:
  1. novembre 29, 2007 alle 23:11

    clap clap clap! veramente bravi! Un giorno ti farò sentire le cover dei van halen del mio ex ex ex ex gruppo eheheh

  2. novembre 30, 2007 alle 00:25

    Salvietta, tu sei una continua sorpresa… Hai anche un passato musicale? Dicci deppiù!

  3. novembre 30, 2007 alle 17:39

    Questa parte è decisamente meglio! Bravi. Mi sa che vi divertite come pazzi. Oh, Salvietta, ora tocca a te!

  4. novembre 30, 2007 alle 17:55

    questo pezzo ci e’ piaciuto, sissi’

  5. novembre 30, 2007 alle 18:57

    Non me ne intendo molto di musica, ma vado sulla fiducia e ti faccio anch’io i miei complimenti! 🙂

  6. novembre 30, 2007 alle 22:08

    segna segna, sappi però che il piccolino continua a mordere allegramente e a tirare i capelli, quando non dà testate in stile shreck…per la tattica boh, la mia mi sembra quella che alla lunga ervirà di più, anche perché non so quanto sia produttivo dare uno sculaccione per insegnare a non mordere, ovvero usare della violenza per insegnargli a non usarla…
    vedremo come procede…

  7. dicembre 1, 2007 alle 15:28

    Ebbene si. Cantavo. Un pò di anni fa. Avrei tanto voluto imparare a suonare la batteria ma non ho il tiro…
    Ora mi limito a cantare Janis Joplin sotto la doccia e Stevie Ray Vaughan per strada mentre passeggio, sotto gli occhi attoniti dei passanti…
    Non devo essere un bello spettacolo;-)

  8. dicembre 1, 2007 alle 15:33

    Come mai, questa netta distinzione di che cosa cantare dove?
    (Bostoniano travestito da Pigrazia)

  9. utente anonimo
    dicembre 1, 2007 alle 16:50

    Janis sotto la doccia, con l’acqua che entra in bocca mentre si fanno gli acuti, da molta soddisfazione.
    Stevie in questi giorni di pioggia, fa tanto colonna sonora alla ally mc beal:-)

    Salvietta dal pc di Holylove

  10. dicembre 1, 2007 alle 18:38

    oh però siete bravi per davvero.

  11. dicembre 2, 2007 alle 02:25

    ammirazione!!! (ai pezzi dei ’60 guarda che sfocia in delirio)
    (pois sloggato)

  12. dicembre 3, 2007 alle 02:25

    Salvietta: la minaccia di approfondire si fa sempre più concreta!
    opperbacco: Grazie! E ciao, è un po’ che non ti vedevo…
    Pois: sono questi i commenti che consolano! Ti ho mandato un pvt

  13. dicembre 3, 2007 alle 19:26

    Bostoniano, hai letto della Gibson Robot Guitar, la prima chitarra che si accorda da sola? 🙂

  14. dicembre 3, 2007 alle 19:37

    profAntigone: sì, sono anche andato a farmi un giretto sul sito Gibson. Giocattolo divertente, ma non giustifica il fatto di costare MILLE dollari più del modello normale. Onestamente, preferisco investirli in una chitarra non robotica ma con qualche anno di più!
    E voi, là in fondo, ho sentito che avete detto “Avevi la chitarra scordata”! A sentirlo dalla registrazione sono capaci tutti!

  15. dicembre 3, 2007 alle 22:12

    Mi stai sfidando? eheheh

  16. dicembre 3, 2007 alle 22:15

    Certo che sì! Attendiamo post dettagliatissimo e magari qualche registrazione!

  17. dicembre 4, 2007 alle 19:41

    Allora,

    intanto cosa diavolo è ‘sta storia che te ne piovi sul mio blogghe dandomi della quaraqquaqquà perché t’ho detto che piovevano i commenti e poi okay effettivamente non ho commentato ma c’è anche da dire che io sono una professionista seria e che ieri notte sono andata a letto alle due per finire una traduzione e che la notte prima ero andata a letto all’una che poi lo sapevi pure e insomma prova te a fare dei commenti intelligenti a quell’ora che poi avevo ascoltato tipo cinque secondi dell’inizio di babaoràilei dall’ufficio in pausa pranzo mentre non c’era nessuno che poi invece è arrivato il capo e quindimettiti nei miei panni e vuoi aspettare di sentirti i pezzi in santa pace o no, che poi ‘sto qua va pure a postare un pezzo di SETTE MINUTI

    detto ciò,

    sei PROPRIO sicuro di volere i miei commenti?

    No, perché a scrivere un “va’ a quel paese!” non c’impiego niente, sai?

    ma mica perché hai sindacato che t’avevo detto che ti commentavo e poi non l’ho fatto e blablabla cfr. sopra, no:

    PERCHE’ SIETE PERFETTI, PUTTANACCIAEVA!!!!!!

    Approfondimenti seguiranno in opportuna sede.
    Ecco.

    Rita

  18. dicembre 4, 2007 alle 19:56

    Rita, quaqquaraquà perché sapevo che per smuoverti bisognava fare una citazione letteraria ;-P

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: