Home > Uncategorized > Ufffffff….!!!

Ufffffff….!!!

No, perché uno dice "mica siamo cretini". Insomma, sono da poco avvenute certe cose. Si stanno riverificando certe condizioni per le quali possono avvenire certe cose, e ora non è proprio il caso. Quindi uno certe informazioni già le ha, però ricerca, fa delle scelte, adotta precauzioni, prende misure, le applica quanto più disciplinatamente possibile e comunque sotto il controllo degli esperti.

Ma siccome la fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo, non è affatto impossibile che tutte le misure che uno ha preso possano fallire. Se si considera questo, è quindi naturale che certi segni premonitori magari non confermino necessariamente uno stato di cose ma facciano squillare un campanello di allarme, e il fatto che uno davanti a questi segni si preoccupi è solo ovvia conseguenza. Pertanto, appare comprensibile che uno si attivi per fare le proprie verifiche, in modo da poter almeno fare delle scelte informate, prepararsi eccetera…

Insomma, negativo. Per fortuna, per ora Davide resta figlio unico.

Annunci
  1. dicembre 9, 2007 alle 08:11

    Paura, eh?

  2. dicembre 9, 2007 alle 08:18

    Davide, un consiglio dalla zia Katika: approfittane, viviti questo momento alla grande, fatti straviziare, rompi le balle a tutti e fatti coccolare più che puoi, perchè, come puoi notare, certi privilegi da primo e unico principino della casa possono cessare quando meno te l’aspetti…Ih ih..

  3. dicembre 9, 2007 alle 10:06

    ho letto tutto d’un fiato
    🙂
    dai scampata bella eh…
    godetevi davide
    poi quando sarà sarà, no?
    un salutone

  4. dicembre 9, 2007 alle 10:32

    Chi l’ha scampata bella è stato Davide! Te lo dice una che è rimasta figlia unica per sette anni, ma che quando è nato il fratellino è impazzita di gioia 😉 Ma ogni cosa a suo tempo… meglio così per adesso.

  5. dicembre 9, 2007 alle 13:01

    L’avevo sgamata dalla prima riga! ;-D Hihihihhihi.
    Cmq, visto i figli belli che fate, un batuffolo 2 sarebbe stato una bellissima gioia.
    Bye. Lemnysempre+tictac

  6. dicembre 9, 2007 alle 13:51

    Pertanto, appare comprensibile che uno si attivi per fare le proprie verifiche, in modo da poter almeno fare delle scelte informate, prepararsi eccetera….

    uhm….le scelte informate avreste non le ho capite…
    mt (sollevata quanto voi…)

  7. dicembre 9, 2007 alle 15:01

    Katika 1: sì!
    Katika 2: Ah, belle cose che gli insegni! Quasi quasi abolisco i privilegi di zia
    Catepol: Speriamo che sia quando abbiamo letto almeno le istruzioni del primo!
    profAntigone: ma dai? Anche io ho avuto il primo fratello a sette anni, ma NON sono impazzito di gioia, al tempo. Ci sono voluti credo una ulteriore ventina d’anni, ora sono proprio contento (di lui e degli altri 4) (da due famiglie diverse, eh?)
    Lemny: magari fra qualche anno, superato l’orrendo casino che sarebbe stato nell’immediato. E poi, se ci vengono normalmente belli, lo sarà anche in un momento più adatto, no?
    terricud: quando ci sentiamo ti spiego per bene

  8. dicembre 9, 2007 alle 18:41

    state buoni se potete, tutto il resto è castità.

  9. dicembre 9, 2007 alle 19:35

    E poi…Avevo detto che il pigiama non serviva, ma tu mi hai presa in parola Bostonià! ;-D

  10. utente anonimo
    dicembre 9, 2007 alle 21:02

    forse QUEL pigiama servirebbe… così, come anticoncezionale…

    tortasloggata

  11. dicembre 9, 2007 alle 22:54

    dai su…un bostonano e una bostonana, ti farebbe proprio schifo l’idea?

    Certo però, tempo al tempo;-)

  12. dicembre 10, 2007 alle 01:16

    Colpodicoda: che brutta cosa che hai nominato… Come se il lavoro e le notti allietate dal pupo non avessero già dato una bella botta!
    Lemny: vedi sopra. Sarebbe stata proprio jella, visto che ancora un po’ e andiamo in clausura.
    Tortadimele: ho uno stuolo di pigiami contraccettivi, se non è che per quello!
    Salvietta: il piano è esattamente quello! Un bostonano e una bostonana, a tempo debito

  13. dicembre 10, 2007 alle 07:30

    Eddai, una sorellina ci sta sempre bene.

  14. dicembre 10, 2007 alle 08:13

    Mint: sì, in collegio in Svizzera.
    Parola di una che 1) è figlia unica così felicemente che più felicemente non si può; 2) ha tuttora degli splendidi ricordi di momenti come quelli descritti nel quipresente post.
    W il controllo delle nascite,

    Rita

  15. dicembre 10, 2007 alle 09:47

    Io ne ho una che mi puliva la stanza, mi registrava i programmi preferiti e mi comprava le sigarette.

  16. dicembre 10, 2007 alle 11:40

    Il punto sta nei tempi verbali al passato, immagino.

    solitaRita

  17. dicembre 10, 2007 alle 12:32

    Secondo me è meglio essere figli minori che figli maggiori: mia sorella più grande ha dovuto lottare per potere tornare fino a tardi, per avere l’indipendenza nelle scelte, oppressa nell’essere responsabile e diligente. Poi sono arrivato io, tornavo quando cazzo mi pareva, facevo quel cazzo che mi pareva, e sì, mi puliva la stanza, mi registrava i programmi preferiti, e mi andava a prendere le sigarette.

  18. utente anonimo
    dicembre 10, 2007 alle 14:12

    abbostonià…tu che sei di Roma…ma di preciso le puntarelle come si fanno?

    tortasloggata

  19. dicembre 10, 2007 alle 15:05

    posso rispondere io?

    acciughe (e non pasta d’acciughe), aglio a pezzetti molto piccoli secondo gusto, olio e sale. C’è qui innaffia con aceto balsamico, aceto di vino o limone…

  20. dicembre 10, 2007 alle 15:08

    mica van male le cose, se si tromba come ricci, eh!

    bravi!

  21. dicembre 10, 2007 alle 15:53

    Mintossicobirra: a tempo e a modo
    Wayne: concordo, a ruoli invertiti (io sono il maggiore)
    tortadimele: non avrei saputo mettertela meglio di Salvietta (anche perché, non mangiando pesce, la mia è tutta teoria). Ma la trovi la materia prima? Credevo che fuori dal raccordo anulare non fosse cosa banale, trovarle già pronte
    pillow: magari! Come già ricordato, il brutto è che, statisticamente, sarebbe stata PROPRIO sfigata

  22. dicembre 10, 2007 alle 16:08

    Oddio ma ho scritto “qui” invece di “chi”, seguendo i dettami della fonetica spagnola…Socurro! Sto dimenticando l’italiano!

  23. dicembre 10, 2007 alle 16:29

    Salvietta: chiaramente tu hai stato troppo lungo in quello terra. È circa ora tu tornavi a Italia.

  24. dicembre 10, 2007 alle 16:29

    Per carità, a tempo e modo, ma comunque in parecchi pensano che meglio farli a tempi ravvicinati. Punti di vista..

  25. dicembre 10, 2007 alle 16:40

    Gattosecco: anche per noi idealmente è meglio, ma troviamo che prima sia perlomeno indispensabile che la famigliuola abbia riorganizzato un minimo la propria vita. Il che per noi, grazie ai tre mesi persi per motivi burocratici e altri strascichi che abbiamo tuttora, non è ancora successo

  26. dicembre 10, 2007 alle 20:14

    son stanca…
    son stata 5minuti a pensare a cosa c’entrasse il pesce..poi ho capito..

    grazie!

  27. dicembre 11, 2007 alle 10:58

    io ho odiato per anni i miei fratelli che da piccola hanno provato ad uccidermi svariate volte..però ora…

    se non ci fossero loro non sò cosa farei…:)

  28. dicembre 11, 2007 alle 14:22

    …a me la bottega m’ha bruciato il cervello: ho capito di cosa parlasse il post solo leggendo i commenti. leggendo il post medesimo pensavo che lo zia sam vi stesse per espellere senza rimedio.

    cosa che a me non sembrava poi tanto catastrofica :))) !

  29. dicembre 11, 2007 alle 15:14

    superpomettomel: l’importante è sopravvivere fino ai vent’anni (di tutti i fratelli), poi è tutta discesa
    Expecting: no, non sarebbe così catastrofico. Ci sarebbe appena appena da ritrovare due lavori, chiudere un po’ di conti, chiudere utenze da una parte e riattivarle dall’altra, vendere e ricomprare un’automobile, trovare parcheggio fino a che casa mia non si libera… Insomma, una passeggiatina

  30. dicembre 11, 2007 alle 17:52

    ma ci avresti STUOLI di bloggers ad attenderti qui in Italia !

    insomma ho detto una cavolata… vabbè è natale, io c’ho la bottega, mi si sta fondendo il cervello….

  31. dicembre 11, 2007 alle 18:32

    Expecting: e quindi avremmo di che scroccare cibo, auto, ospitalità e connettività per un po’ di tempo, eh? 😉

  32. dicembre 12, 2007 alle 01:44

    …uuuh, due di fila sarebbe stato…uuuh! mi mancano le parole.

  33. dicembre 12, 2007 alle 14:49

    … non c’entra nulla con il post, ma la tua costruzione di presepe su “non solo mamma” è fantastica…
    ciao

  34. dicembre 12, 2007 alle 15:28

    Viperavenerea: per fortuna non devi trovarle! 🙂
    lublu16: sono in effetti convinto di essere un commentatore migliore di quanto non sia un buon blogger! 🙂 Grazie, comunque se uno ha seguito le farneticanti richieste di quella pazza della maestra dominatrix sul blog di Elastigirl, una cosa del genere si scrive da sola

  35. dicembre 12, 2007 alle 18:17

    pericolo scampato, eh? Ti leggo in silenzio da un pò..:)

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: