Home > Uncategorized > Kuroneko no tango

Kuroneko no tango

Davide ha una passione.
Potente.
Incontrollabile.
Sofferta.

Davide si eccita, mugola e balla come un orango, ride sguaiatamente quando Pigrazia evoca su Youtube la registrazione della versione originale di "Volevo un gatto nero".

Intendiamoci, apprezza anche altre canzoni dello Zecchino d’oro; ma quella faccetta da schiaffi che canta quel capolavoro di perfidia sbagliando le parole in un paio di punti e recuperando cantando con ancora più convinta cattiveria ha fatto breccia nel cuore di pietra di quest’uomo in erba.

Ma un brutto giorno, per la precisione stamattina, Repubblica intitola così:

Dalle canzoni dello Zecchino d’oro
allo sfruttamento della prostituzione

Per l’articolo, fate pure clic sul titolone e finirete sulla pagina originale con tanto di foto in bianco e nero di Vincenza Pastorelli, ex reginetta dello Zecchino d’oro decaduta a maitresse.

Ma Davide ha detto che la ama lo stesso. Che uomo…

Annunci
  1. dicembre 21, 2007 alle 00:00

    Davide è un grande!
    Bye. L.

  2. dicembre 21, 2007 alle 02:04

    Ah, l’amore! Oggi in biblioteca i bambini canticchiavano tutti ‘sta canzoncina e non capivo come mai, poi ho scoperto. Speriamo che arrestino anche cristina d’avena.

  3. dicembre 21, 2007 alle 06:35

    @bostoniano: quella la conosco bene, e ogni volta penso a quante risate si deve essere fatto James Taylor…ce n’è anche una versione più lunga che si chiama The peak of the mountain, io ho il file della canzone cantata da Elio con la Cortellesi che fa Cher in un puntata di Mai dire gol quando era bello…
    di che ti raccomandi? 😉 mi raccomando io, niente tacchino e sgrufugnatevi quel cosino bello, e come direbbero gli Eelst Buonnatalebuonnatalebuonna

  4. dicembre 21, 2007 alle 06:39

    ah…enrico invece impazzisce il valzer del moscerino, tanto per gradire…per fortuna gli piacciono anche alcune canzoni insospettabili, e ci si salva..

  5. dicembre 21, 2007 alle 09:38

    la vera musica sopravvive e trionfa sulle miserie dei musicisti. davide, sono con te.

  6. dicembre 21, 2007 alle 10:14

    Un vero ometto!
    Coerente fino in fondo con le sue scelte già da adesso (speriamo cambi almeno i gusti alimentari e smetta di ciucciare le salviettine…)

    Oh, è la foto nel post precedente é veramente… oh yeah!

    (Non é che gli hai parlato di Limahl, boston?)

  7. dicembre 21, 2007 alle 15:31

    Sarà stata la frustrazione causata dal gatto bianco…
    Auguri di buon Natale, a lei e avventori.

  8. dicembre 21, 2007 alle 16:33

    ciao, ti sto linkando che mi piace leggerti e poi… non ultimo, mi sono innamorata di davide 😀 e poi… sei italiano trasferito a boston? 🙂

  9. dicembre 21, 2007 alle 19:30

    Oggi su Repubblica si poteva leggere la lettera del vincitore dello Zecchino ’69, perché per rendere più succosa la storia i giornalisti hanno tolto l’ambito premio ’69 a Tippy il coniglietto hippy per darlo al gatto nero. ‘Il coniglietto Tippy non l’avrebbe mai fatto.’

  10. dicembre 21, 2007 alle 19:52

    Pois, “Il coniglietto hippy” (che ho conosciuto solo grazie a una certa Svitata, vedi link) era TROPPO una ficata. Sembrava uno di quei beat/R’n’B tipo High Heel Sneakers, ma più San Francisco summer of ’67, per intenderci. Non so neanche come abbia fatto a finire allo Zecchino d’Oro…

  11. dicembre 22, 2007 alle 00:05

    Davide, sono donne, ti tradiranno e deluderanno sempre. Tieni duro però, e non smetterle di amarle. Un giorno capirai che quel che ora ti sembra solo una ghiotta merenda in futuro ti può offrire ben di più.

  12. dicembre 22, 2007 alle 07:29

    Ciao Bostoniani! Vi auguro un Felicissimo Natale ed un ancor + Felice Anno Nuovo. Che il sorriso di quello splendore illumini le vostre giornate come il vostro amore illuminerà le sue. Un Bacione.
    Bye. L.

  13. dicembre 23, 2007 alle 10:55

    Un gentiluomo. Viene su bene questo bambino.
    Auguri di buon Natale a tutti e tre!!
    (e non facciamo troppi progetti per i nostri figli. Vincenza Pastorelli docet)

  14. dicembre 23, 2007 alle 19:58

    Tanti auguri a tutta la ciurma!

  15. dicembre 23, 2007 alle 20:06

    Buon Natale Famiglia Bostoniana!!! :*

  16. dicembre 23, 2007 alle 20:55

    Il primo Natale di Davide… aspettiamo le foto.
    (quell’ometto lì ha già uno stuolo di donne ai suoi piedi)

    Buon Natale Bostoniani!

  17. dicembre 23, 2007 alle 23:03

    Bostoniani, vi auguro con affetto un Buon Natale e Sereno 2008.

  18. dicembre 24, 2007 alle 00:46

    Da quando m’avete passato quel link lì non faccio che sentire sta canzone da tutte le parti.
    Fico!
    ;P

  19. dicembre 24, 2007 alle 01:42

    OK, il thread dei commenti sta prendendo una deriva festaiola. Invece che farvi gli auguri qui ho fatto un apposito post!

  20. dicembre 28, 2007 alle 14:44

    uh, è una mia conterronea. lecce era tappezzata di manifesti e io non ho fatto che sghignazzare. non potevo prevedere questo dramma familiare.

  21. dicembre 28, 2007 alle 15:21

    Ryuko, “conterronea” va registrata nel dizionario della crusca, di corsa.

  22. dicembre 28, 2007 alle 23:55

    Non è mia, mi piacerebbe ma non è mia. Diamo a Freesia quel che è di Freesia.

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: