Home > Uncategorized > Chi gattona e chi gambera

Chi gattona e chi gambera

Come i suoi cugini prima di lui, Davide sta saltando la fase gattoni (speriamo che si sbrighi a passare a quella del cammino, che qui non ci se la fa più a sollevare il piccolo macigno). O meglio: ultimamente sta dimostrando un certo interesse per l’idea della locomozione ma, nonostante una dotazione muscolare di tutto rispetto (è in grado di mettersi nella posizione yoga del cane che guarda in giù), manca di coordinazione. Insomma, per ora quello che riesce a fare è spingersi tutto felice all’indietro, scivolando sul pavimento. Tutto felice finché si muove perché, immancabilmente, finisce per impagurarsi sotto qualche mobile, dove resta triste e bloccato finché qualcuno non lo libera:

Advertisements
  1. marzo 10, 2008 alle 20:12

    Toh, ma che carino!

    (No, ecco, ritorno nel personaggio: se io fossi dio, i bambini li farei nascere con le maniglie.)

  2. utente anonimo
    marzo 10, 2008 alle 20:16

    Ohhhh, finalmente!!!
    E’ così carino che si è incrinata per un attimo la corazza persino a Erode, qui, al #1…

  3. utente anonimo
    marzo 10, 2008 alle 20:17

    Quella rimbambita della Esse sloggata al #2…

  4. marzo 10, 2008 alle 20:17

    Oddio!!!E’ troppo dolce ti prego dagli mille bacetti anche da parte mia!

  5. marzo 10, 2008 alle 20:18

    la categoria “paguri” come ben noto mi e’ simpatica a prescindere.
    comunque pare che questo bimbo abbia scelto una maniera non convenzionale di muoversi a questo mondo: ma da qualcuno dovra’ pur aver preso…!

  6. marzo 10, 2008 alle 20:22

    però guarda come alza fiero la testa!

  7. marzo 10, 2008 alle 20:23

    gua’ che bello
    complimenti

  8. marzo 10, 2008 alle 20:49

    cucciolino che bello…
    enrico è passato dalla fase marine alla posizione eretta, ha cominciato a gattonare poi, verso i 18 mesi..

  9. marzo 10, 2008 alle 21:55

    Ma è un ammmmmmmmmmmoreeeeeeeeeeeee!!!!!!!!

  10. marzo 10, 2008 alle 22:12

    no, via, correte a toglierlo di lì, dai!
    pezzetto????
    ma dove ti ha ficcato il babbo disgraziato x farti la foto e metterti sul blog!?
    piccino!

  11. marzo 10, 2008 alle 22:31

    Cate, sapevo che qualcuno avrebbe pensato che “con quel faccino triste” ce lo avevamo cacciato a forza noi, ma ti garantisco che ha fatto (e continua a fare) tutto da solo

  12. marzo 10, 2008 alle 23:05

    oh ma certo che ‘sto bambino e’ proprio bello, ma proprio bello bello!

  13. marzo 10, 2008 alle 23:58

    splendido!

    ipazia

  14. marzo 11, 2008 alle 00:11

    Viene voglia di morderle quelle guanciotte!

  15. marzo 11, 2008 alle 00:36

    ma… ratatouille in tutto cio’ non sta aspettando il piccolo esploratore sotto al divano vero? no perche’ si spiegherebbe lo sguardo triste. a parte che e’ troppo che non vedo la creatura, perche’ gia’ mi sembra piu’ grande del “solito”!!

  16. marzo 11, 2008 alle 01:15

    Ma è un bimbo bellissimo!

    E che tenerezza pensare che vada all’indietro e poi rimanga “fregato” da qualche mobile, per di più facendo sfoggio di quella facciotta facciosa!
    Merveille!

  17. marzo 11, 2008 alle 08:53

    Diventerà il nuovo Indiana Jones.
    (Non farlo contare in greco, però)

  18. marzo 11, 2008 alle 09:35

    Facciotta facciosa è calzante.
    Lo trovo trooooppo bellino! Troppo buffillo! ed è cresciuto un sacco! Quanno se dice:
    “Eh, mo’ è un piccolo ometto”!
    🙂

  19. marzo 11, 2008 alle 10:30

    Bellissimo paccioccone. Ma non abbiate fretta di vederlo camminare che poi… è finita la pacchia.. 😀

  20. marzo 11, 2008 alle 11:11

    AAAAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAH
    !!!!
    SUPERBUFFO!!!!!

    Ma non c’ha il faccino triste! Sta riflettendo con una punta di manageriale rompimento di maroni su come fare a disincastrarsi!!! (E anche con una punta di: “no, adesso spiegami cosa c’hai da fotografare anziché tirarmi subito fuori di qui, stupido bipede”).

    Rita

    (PS: uh… Bos, resti tra noi… io ‘sta storia dell’incastro in retromarcia sotto ai divani la sapevo già… non posso dirti chi me l’ha spifferata affinché condividessi la buffitudine della cosa, sennò rovino una reputazione, sai? 😀 Diciamo solo che Little Dave ha più fan di quanti tu possa immaginare! :-D)

  21. marzo 11, 2008 alle 11:18

    Lascialo incastrato lì, fungerà da stimolo alla locomozione.
    Com’è il cane che guarda in giù?

  22. marzo 11, 2008 alle 11:25

    Questo bambino è una meraviglia!!!

  23. marzo 11, 2008 alle 13:37

    Un grazie generalizzato dei complimenti, quel vanitoso di Davide approverebbe sicuramente.
    Esse: non succederà mai
    Expecting: giuro che, più che fischiare tirando, di cose all’indietro non ne ho mai fatte
    Sullepunte: Ratatouille non si vede dalla sera dell’incontro ravvicinato. E poi, insomma, dai: fa anticorpi
    Mint: non ho colto la storia del greco… Non devo aver visto il film giusto
    Rita: un’ideuzza cellò. Direi che “alma mater in comune” è la frase chiave.
    Vipera: piedi e mani appoggiati completamente a terra, braccia e gambe tese, culo pizzo, schiena arcuata, sguardo puntato in mezzo alle mani.

  24. marzo 11, 2008 alle 14:02

    PACIOCCOOOOOOOOOOOOO

    da sbaciucchio totale!!

    Nina

  25. marzo 11, 2008 alle 14:16

    vero Nina che è troppo un bignè semovente? Te l’avevo detto :-))))

    Rita

    (Bos: ehnnò ehnnò, eheheh)

  26. marzo 11, 2008 alle 14:18

    … No, che poi mi son figurata la posizione descritta in risposta alla curiosità della Vipera.

    AAAHAHAHAHAH!

    La visione con prospettiva pannolinica dev’essere uno schianto! Quando riesci fotògrafaci pure quella, daaaaiiiiiii!!! 😀

    Rita

  27. marzo 11, 2008 alle 14:40

    qualcosa dentro di me si scioglie. bè, effettivamente. sì, questi bipedi da cuccioli non sono male.
    comunque anch’io ho subito visto l’espressione che ha descritto rita: padre infido, molla la fotocamera e vienimi a tirare fuori.

  28. marzo 11, 2008 alle 14:41

    il klippan rosso! di pelle! perfetto per incasrarcisi sotto e risaltare in tutto il guanciottesco splendore.

  29. marzo 11, 2008 alle 14:54

    Colpo, anche se ho provato ad attribuirmi la paternità della foto pare che la memoria mi difetti. Nel qual caso, l’espressione direbbe “Madre infida” eccetera. Fra l’altro: minchia, che occhio! Come hai fatto a beccare il Klippan in mezzo al burdell’ di possibili divani di pelle rossa?

  30. marzo 11, 2008 alle 15:26

    Vabbè Boston, “impagurarsi” è da premio nobel.
    Io comunque sono ancora sotto shock per il commento di Uèin. Guarda te se per farlo sciogliere devo fare un figlio pure io!
    (Esse…Erode…UHAUAHAUAHAUAHAUAAH!)

  31. marzo 11, 2008 alle 15:30

    Ue, chi si rivede, la Svitol… Sai che ieri Pigrazia è capitata sul post della pasta con la salsa ed è finita che l’ha voluta improrogabilmente per cena?

  32. marzo 11, 2008 alle 18:45

    ma quant’è carino incastrato così 🙂

  33. marzo 11, 2008 alle 19:23

    e’ meraviglioso!!! :))))

  34. marzo 11, 2008 alle 22:07

    è splenderrimo questo cucciolo qui!!!
    tu e pigrazia avete fatto un supercapolavoro!””!!

  35. marzo 12, 2008 alle 08:13

    #29 bos, ho barato: mi ricordavo di uno scambio di commenti fra te e pigrazia in cui raccontavate del klippan rosso.

  36. marzo 12, 2008 alle 09:19

    ma bello luiiiiiiiiiiiiii
    e che grande!!

  37. marzo 12, 2008 alle 11:12

    (dopo il commento della Colpo al #28 sono stata per un po’ a guardare la foto pensando “minchiacheddddonna! che maga! come cazzo ha fatto a riconoscere il divano da una zampa e una cucitura?”. Confesso che avevo pensato lo avessi anche tu il Klippan, sorella!)

  38. marzo 12, 2008 alle 12:26

    bellissimooo e meravigliosoo 🙂

  39. utente anonimo
    marzo 12, 2008 alle 17:27

    Esse mi fai schiantare.
    T’ho immaginata in contemplazione della foto e in estatica ammirazione della Colpomedium.

    Rita slogghìta

  40. utente anonimo
    marzo 12, 2008 alle 17:39

    … e se gli metteste dei gommini sotto le punte dei piedi?

  41. marzo 12, 2008 alle 17:40

    Sul terzo Indiana Jones, quando Junior torna a casa trafelato perché è sfuggito ai ladroni con la croce di Coronado, Sean Connery gli impone di contare fino a dieci per calmarsi. Ma in greco.

  42. marzo 12, 2008 alle 20:03

    Badate qui che ciabattaio:-) basta postare la foto di una creatura e queste bloggheresse le si sciolgono tutte.

    I figli so’ pezz’ e’ blog.

    G.

    p.s. certo che se le creature sono “da morsi” come Davide ci credo che ciabattano…e fanno bene.

    Saluti a tutta la family.

  43. marzo 13, 2008 alle 09:47

    Mint, ti odio: mi sono appena accorta che io di contare fino a dieci in greco non ne sarei più capace.

    Vabbè, resterò trafelata e isterica.

    Rita

    (PS: oh, gente, avete notato che a Dave dai tempi della foto di “Rispetto” gli si sono pure abbassati i capelli?)

  44. marzo 13, 2008 alle 10:08

    di la verità, indossava questo

  45. marzo 13, 2008 alle 10:14

    Bellissimo, il bambino, ma anche la foto di Liarit!!!! 🙂

  46. marzo 13, 2008 alle 10:22

    con quegli occhi e quelle guanciotte scioglierebbe il cuore di chiunque… ma che meraviglia di bimbo!!!

  47. marzo 13, 2008 alle 11:11

    MA QUELLA COSA DI LIARIT E’ GENIALE!!!

    ammiRita

  48. marzo 13, 2008 alle 11:26

    Liarit, no, ma vado subito a comprarlo. Ma il modello della foto è Uèin da piccolo?

  49. marzo 13, 2008 alle 11:28

    Rita, i capelli del nano non si sono abbassati, né sono mai stati alti prima. Vivono di vita propria, alla giornata.

  50. marzo 13, 2008 alle 11:35

    soooo cute!!!! ho trovato un fidanzato per la nana!!
    anche lei non ha gattonato quindi dai, sono gia’ anime gemelle :))

  51. marzo 13, 2008 alle 11:38

    Bos, avevo pensato la stessa cosa, che quello fosse un mini Uèin.

    Poi mi sono autocensurata perchè sicuramente se ne sarebbe uscito (forse non subito, pare abbia dovuto soccombere all’influenza) con una roba tipo “IO non sono XXX (a scelta: cinese/giapponese/eschimese). IO ho gli occhi a 16/9” detto con quella vocetta stridula che gli esce quando è stizzito.

    Comunque quella tutina é un’idea formidabile!

  52. marzo 13, 2008 alle 23:09

    ci sarebbe anche un video su youtube…

  53. marzo 14, 2008 alle 10:34

    Oh, non vorrei essere ripetitiva, ma sai che ogni volta che ricapito sul tuo blog gli faccio una carezzina sulla guancia col cursore del mouse?

    Rita

  54. marzo 14, 2008 alle 13:33

    beh se lo filmi e poi lo guardi in rewind, lo vedi andare in avanti. Fino a tempi migliori.

  55. marzo 14, 2008 alle 15:10

    hehehe… ma domani me lo mangio… altroche’!!!! vero che me lo porti? 😀

  56. utente anonimo
    marzo 14, 2008 alle 15:53

    Oh, sullepunte… un morsetto glielo dai anche da parte mia?

    Esse

  57. marzo 14, 2008 alle 17:00

    come no, esse! sempre se pigrazia mi autorizza 😉

  58. utente anonimo
    marzo 14, 2008 alle 18:58

    Grazie!
    Esse

  59. marzo 14, 2008 alle 19:05

    Sullepunte: sei autorizzata, certo! sempre se ci vorrai ancora bene, dopo quello che ti ho scritto in privato… 😦

  60. marzo 14, 2008 alle 19:44

    tettu` ti fai troppi problemi. va tutto ben! 😉

  61. marzo 14, 2008 alle 20:10

    Ho dovuto rileggere tre volte per contestualizzare quel “tettu”. Avevo inspiegabilmente equivocato.

  62. marzo 14, 2008 alle 20:17

    Wayne, una volta stavo traducendo l’atlante Microsoft Encarta e mi è arrivata la lista delle parole da non usare assolutamente. Fra queste “tettonica”. Lì per lì mi sono chiesto chi potesse essere, fra i potenziali utenti, quello che preoccupava a tal punto il reparto linguistico di Microsoft. Ma ora che ti conosco, ti dirò, qualche barlume di intuizione inizio ad averlo…

    (però le tette non si discutono)

  63. marzo 14, 2008 alle 20:19

    AHAHAHAH! Ha detto “tettonica”!!! AHAHAHAHAHAHAHAH!!!

  64. marzo 14, 2008 alle 20:31

    Pensa se è il soprannome di qualcuna. HAHAHAHAHA!!! Figata!!! Che magari si chiama Monica e ha tipo, che so, una settima… HAHAHAHAHA!!!

  65. marzo 14, 2008 alle 20:35

    AHAHAHAHAH!!! “Monica Tettonica”!!! AHAHAHAHAH!!! Con la settima!!! Ma come ti vengono?!?! AHAHAHAHAHAH!!!

  66. marzo 14, 2008 alle 20:37

    (Oh, Boston, devo darmi una regolata. Io ho già le feticiste che mi inviano i curriculum e il listino prezzi. Se poi decado moralmente, è la fine.)

  67. marzo 14, 2008 alle 20:38

    HAHAHAHA!!! Pensa se ti manda un invito Monica Tettonica: “Puoi annusare il mio reggiseno usato, o anche metterlo su come spinnaker se vai in barca a vela”. Caz, oggi vado a ruota libera

  68. marzo 14, 2008 alle 20:40

    Uhm. Quanto me lo fa al metro?

  69. marzo 14, 2008 alle 20:44

    HAHAHAHAHA, hai detto “metro”. A che cosa pensavi, zozzòne? Ti eccita la tettonica? (ok, dopo questa ci ricomponiamo) (forse)

  70. marzo 14, 2008 alle 20:47

    Una volta questo era l’unico blog per famiglie della zona.

  71. marzo 14, 2008 alle 21:01

    Devianti, ma sempre famiglie.

    Per tutti i supereroi mascherati in odore di omosessualità in the closet, ma tu hai cambiato ancora di avatar!

  72. marzo 14, 2008 alle 21:04

    Devo convincere il Conte a depilarsi, altrimenti gli si vedranno tutti i peli sotto la calzamaglia.

  73. marzo 14, 2008 alle 21:12

    Ma no… se non si depila e gira nudo fa Nightwing senza bisogno di costume. Pensa che risparmio…

  74. marzo 14, 2008 alle 21:13

    Poi un giorno mi spiegherete com’è uscito “il Conte”, che mi sono perso la genesi del soprannome

  75. marzo 14, 2008 alle 21:14

    Cazzo. Dici che non riusciremo mai a convincere la Rita a fare il Pinguino? Sarebbe perfetta. Merda. MERDA!

  76. marzo 14, 2008 alle 21:15

    (Dopo questa mi sa che mi sono DAVVERO fatto una nemesi, un’accerrima nemica che vuole la mia testa. Ta-na-na-na-na-na na-na-na-na-na-na BAT-MAN!).

  77. marzo 15, 2008 alle 07:30

    Ehi, io voglio fare Wolverine bastardi.
    Wayne, Jackie Chan che fa Batman è troppo politically correct.

  78. marzo 15, 2008 alle 11:46

    L’ho appena detto: è un blog per famiglie, questo.

  79. utente anonimo
    marzo 15, 2008 alle 12:43

    Uèin, hai mai danzato col demonio nel pallido plenilunio? Ti ci mando io a calci nei denti.

    Rita Slogghìta e Sdegnìta

  80. marzo 15, 2008 alle 12:44

    Brus Uèin per lei.

  81. marzo 15, 2008 alle 12:55

    PEZZETTOOOOOO!!!!!
    🙂 🙂 🙂 🙂 🙂

    (Per la cronaca: il Cerbiatto ha gattonato fino a 13 mesi!!!)

  82. marzo 19, 2008 alle 17:08

    Stupendo questo bimbo..e il fatto che si “impaguri”è troppo carino..ma che ansia!

  83. marzo 20, 2008 alle 00:23

    che meraviglia!!! pensa che la figlia di una mia amica non ha mai gattonato… la mettevano a 4 zampe sul pavimento e a lei si allargavano le braccia, finché non finiva sdraiata a pancia in giù perterra… 😀

  84. marzo 21, 2008 alle 09:23

    Che bellino!
    I miei ex-cuccioli, hanno gattonato per mesi. E correvano a quattrozampe come il vento da una stanza all’altra, leccando qualsiasi cose trovassero sul loro cammino, pareva di avere un cane in casa. 🙂

  85. marzo 21, 2008 alle 11:25

    ma questo cipollino meraviglioso è l’evoluzione di Bostonano?
    Ma è bellissimo!

  86. marzo 21, 2008 alle 21:26

    Opper: cresciuto, eh?

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: