Home > Uncategorized > La Palisse

La Palisse

Come è capitato ad altri, sono stato chiamato in causa per il post sulle sei cose che mi piacciono di più. Sarà perché le catene grazie no, sarà perché in fondo sono una persona banale, sarà perché boh, ma non mi esce niente di meglio di

  • mangiare bene
  • bere bene
  • il sesso
  • gli affetti
  • suonare
  • viaggiare, specie dove c’è il mare

in nessun ordine particolare, si equivalgono abbastanza. E vi dirò di più, faccio il guastafeste e non passo la palla a nessuno. Raccattatela, se vi va, ma stavolta non faccio l’untore.

Categorie:Uncategorized Tag:
  1. maggio 21, 2008 alle 20:03

    Bravo, spezza la catena (delle catene)!

  2. maggio 21, 2008 alle 20:49

    e’ vero le catene andrebbero spezzate (io non le ho mai sopportate e le ho sempre interrotte). però certi meme possono essere visti come delle occasioni per analizzarsi e dire delle cose di sé. poi forse sbaglio.

  3. maggio 21, 2008 alle 20:52

    Katika, mah… questo onestamente non l’ho trovato neanche granché interessante. Molto più divertenti cose tipo “cinque dischi che mi vergogno di aver amato molto da adolescente” e cose così. In fondo, delle cose che amiamo particolarmente ne scriviamo di continuo. No?

  4. maggio 22, 2008 alle 03:56

    Questa ce l’ho Bostoniano, nel senso la lista delle vergogne:
    tutti singoli
    – Gioca Jouer – Cecchetto
    (“comprare cagate!” ta tara ta ta ta)
    – l’estate sta finendo – Righeira
    (10 anni e piena incoscienza)
    – the final countdown – Europe
    (alzi la mano chi non ha mai amato almeno un po’ joey tempest)
    – Could t be magic – Take That
    (questo acquisto ancora non me lo spiego)
    – Tied to the 90’s – Travis
    (non ero più adolescema e avrei dovuto almeno tenerlo a mente)

    Anche a me le catene non piacciono…ma su quelle musicali, anche solo ipotizzate come in queesto caso…sono come una falena che vede una lucina…mi ci fiondo!

  5. maggio 22, 2008 alle 08:29

    Le catene mi mettono in conflitto interiore. Nell’intimo le odio, però mi sento stronzissima.
    Catena dischi che ho amato in gioventù?
    eh
    No dischi, che io so seria – opera omnia (fino a epifania)
    – Opera Omnia di MANGO
    – Opera Omnia degli A-Ha (che poi ci ho anche diverse monografie con foto a colori, e er fidanzato dell’amica mia Pilla è andato anche a pesca co Morten Harket na’ vorta)
    – trip da Raf
    – trip da Sendy Marton (exotic and erotic, ci avevo anche er poster)
    – il primo di tutti: ero piccolissima e cantavo a squarcia gola: dammi una lametta che me taglio le vene”. Donatella rettore.
    :))))

  6. maggio 22, 2008 alle 11:54

    le catene non sono granchè. ma la tua lista avrei potuto tranquillamente farla mia, a parte il suonare (che io vorrei anche, ma c’ho l’orecchio da canemorto).
    sui dischi imbarazzanti lasciamo stare, che c’ho qualche scheletro nell’armadio anche da non più adolescente (presente quel trio di tossichetti di acidò acidà? ecco, quelli)

  7. maggio 22, 2008 alle 12:49

    queste sei cose, banali come hai detto tu, sono banali a nominarle forse, ma non così banali a realizzarle. Qualche volta si perde di vista cosa è importante della vita e si valorizzano invece cose altamente inutili (son filosofo oggi)

  8. maggio 22, 2008 alle 13:33

    la ribellione dell’untore, dovevi chiamarlo così il post :-))

  9. maggio 23, 2008 alle 13:16

    A parte suonare (ma solo perché non ne sono capace) la penso esattamente come te.

  10. maggio 25, 2008 alle 17:41

    Eccomi, ci sono anch’io:
    1) andare di bolina stretta
    2) correre in moto
    3) i bambini
    4) il sistema usato x farli (i bambini)
    5) il jazz
    6) dab

    B. al B.
    Bye. L.

  11. maggio 25, 2008 alle 21:50

    in nessun ordine particolare:
    cucinare
    musica: cantarla, suonarla, ascoltarla
    essere innamorati e conseguenze
    tornare a casa da Pisa
    viaggi a costo quasi zero con tutto quel che ne segue
    cose che pertengono l’ambito del pensare, tipo studiare ma anche farsi le seghe mentali. cciao Bostoniano! Sì, sono viva…è un periodo che studio e faccio poco altro. Saluti festosi!

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: