Home > Uncategorized > Se anche voi non siete appena diventati maggiorenni…

Se anche voi non siete appena diventati maggiorenni…

…anche per voi i cartoni animati della Warner Bros saranno stati un cult. E anche voi, ammettiamolo, avrete coltivato dei larvati istinti di simpatia verso quei poveri sfigati a cui non ne andava mai dritta una: Tom che alla fine le buscava quasi sempre da Jerry (unico caso in cui ogni tanto vince il gatto), il coyote che MAI che acchiappasse quel pennuto maledetto, Silvestro perennemente frustrato nella sua caccia a Titti. Una simpatia che arrivava a dire: "Cazzo, il giorno che finalmente glielo fanno prendere dovrà pure arrivare!!!"

Qualcuno mi (ci?) ha ascoltato. Ma, devo confessarlo? Non provo nessun senso di catarsi nel vedere queste immagini. Vi prego, non mi dite che è l’età che intenerisce i cuori…

Annunci
  1. ottobre 3, 2008 alle 19:02

    Jerry, che ti hanno fatto?!?

  2. ottobre 3, 2008 alle 20:12

    non è l’età
    è che sono brutte, forse perché immobili

  3. ottobre 3, 2008 alle 20:23

    tecnicamente tom e jerry sono Hanna&Barbera. E’ sempre della famiglia WB?

  4. ottobre 3, 2008 alle 22:09

    xanthippe: a occhio e croce, è pronto per un panino al salame (nella parte del salame)
    yetbutaname: mi sa che il movimento non c’entra
    palbi: hai ragione, li ho buttati nel mucchio per pigra distrazione, ma erano H&B fino al 1958 e prodotti da MGM (che se li è tenuti dopo l’era H&B e li ha fatti peggiorare col tempo)

  5. ottobre 3, 2008 alle 22:12

    Palbi: dirò di più. L’era peggiore inizia quando un grosso ex-WB ne prende carico. Il suo tratto funzionava in Warner, ma con Tom & Jerry ha prodotto risultati molto deludenti. Quindi, non sono decisamente Warner!

  6. ottobre 4, 2008 alle 09:20

    No è il buon gusto che affina l’intelligenza.
    Ho avuto un rapporto conflittuale con la correttezza politica. Ma da quando ho scoperto lo spessore intellettuale della scorrettezza mi sono pacificata. E Tom che affetta Jarry mi rimanda direttamente due impulsi.
    – bestemmiare in avariate lingue
    – mandare l’autore ai lavori forzati.

    Tre impulsi – ora che ce penso.
    C’è er caso che Lunedi ce faccia un post su codesto postarello tuo, che è molto esemplificativo.

  7. ottobre 4, 2008 alle 12:40

    pare che sia scritto a chiare lettere che i disegno non sono usati per divertire, ma per raccontare in modo “familiare” e “diretto” la violenza.
    e secondo me ci riesce. e’ disturbante, no?

  8. ottobre 4, 2008 alle 12:48

    ..a questo punto uno si consola con “Hitchy & Scratchcy”(Fichetto e Grattachecca nella versione italiana degli Simpson)..
    Bleeeeah!
    Cusèina

  9. ottobre 4, 2008 alle 12:53

    Nooo Titti noooo
    nessuna catarsi
    il mondo ha i suoi equilibri
    non rompeteliiii

  10. ottobre 4, 2008 alle 13:27

    Non mi piace la provocazione a tutti i costi. Per quanto riguarda la catarsi, la domenica mattina io mia sorella e mio padre ci mettevamo nel lettone e inventavamo le storie di Tom e Jerry. Nel finale, Jerry veniva puntualmente punito per essere stato crudele col povero Tom.

  11. ottobre 4, 2008 alle 14:30

    zaub: aspetto di leggere con IMMENSA curiosità (e un certo orgoglio, ammetterò)
    sullepunte: duh… interessante punto di vista. Ne dobbiamo parlare, mi sa che (anche?) stavolta hai visto più lontano
    Cusèina: oddio… ho VAGHISSIMI ricordi dell’esistenza di Fichetto e Grattachecca. Devo documentarmi.
    Monna: però, devo ammettere che Titti è forse quello che mi sta più antipatico di tutti
    Rainsoul: ma guarda che succedeva anche nei cartoni animati! Era l’unico cartone animato in cui certe volte Jerry aveva fatto il bastardo per tutta la puntata e alla fine finisce legato alla sculacciatrice automatica mentre Tom festeggia col cane, o cose del genere…

  12. ottobre 4, 2008 alle 14:32

    Ti giuro mi viene da vomitare…
    Ma chi è questo James Cauty il giudice Morton della situazione armato di pennelli alla salamoia?

  13. ottobre 4, 2008 alle 21:42

    oddio..ho scritto “degli” Simpson!
    Mi sa che m’ero bevuta anche l’ultimo neurone atrofico..LaCusèina

  14. ottobre 5, 2008 alle 04:45

    inquietantissimo…

  15. ottobre 5, 2008 alle 08:16

    ma nooo…corro a vestirmi in nero…sic.

  16. ottobre 5, 2008 alle 11:02

    Sì,però poi nei nostri racconti facevano tutti pace. 🙂
    😀

  17. ottobre 5, 2008 alle 11:08

    No, no, no…
    Io sono diventata maggiorenne poco più di due anni fa, e mi sa che siamo stati l’ultima generazione che ha guardato quei cartoni lì. Alle 8 tutte le sere, su raidue. Me lo ricordo. Sono sicura.
    E sì, è disturbante e per giunta non mi insegna niente di nuovo sulla violenza. E’ solo e genuinamente disturbante. E non mi piace essere disturbata gratis.

  18. ottobre 5, 2008 alle 18:12

    hi hi hi… a me titti sfrittellato è piaciuto da matti. il più odioso pennuto rompiballe della storia del fumetto. sono sottile, eh? sarà che anch’io sono diventata maggiorenne due anni fa.
    chi è che ride?! CHI E’ CHE RIDE?! screanzati!

  19. ottobre 6, 2008 alle 06:10

    A me fanno cagare.
    Ma Will E. Coyote una volta lo prese, lo struzzo… Solo che aveva usato un macchinario che lo rimpiccioliva e mi resterà sempre in mente la scena di lui che con un’espressione beata si aggrappava ad una gigantesca Bip Bip zampa.

  20. ottobre 6, 2008 alle 08:27

    però per me che detesto Titty un po’ di soddisfazione c’è stata a vederla tranciata e sanguinante…

  21. ottobre 6, 2008 alle 08:46

    Colpo, maggiorenne su Plutone, vista la durata dell’anno plutoniano.

  22. ottobre 6, 2008 alle 09:11

    fatto:)
    Buon Lunedi:)

  23. ottobre 6, 2008 alle 13:09

    Che figata! Titti sbranato mi ricorda i gatti di casa quando riescono ad acchiappare le tortore che svolazzano intorno casa.

  24. ottobre 6, 2008 alle 17:35

    #21 mint, guarda che ti mando la gelmini vestita di latex a frustarti il popo’! e poi dimmi che non ti voglio bene.

  25. ottobre 6, 2008 alle 18:17

    Salvietta: buona ipotesi!
    LaCusèina: dai… a fine giornata guardi anche l’ortografia?
    cilidif: dopo il commento di sullepunte sono andato a rileggere bene la presentazione. È vero, è spiegato: ti fa capire che la violenza è violenza prendendo immagini familiari e divertenti e aggiungendoci il sangue (la merda ancora no). E fa centro, in effetti, una volta che hai capito. Resta da chiedersi quanto sia efficace un messaggio che ha bisogno delle note a piè pagina per arrivare…
    Colpo: a che età diventano maggiorenni, le balene?
    Mint: me la ricordo! Il coyote alzava un cartello con scritto qualcosa tipo: “OK, smart guys, you know you always wanted me to catch him. Now what?”
    Pillow: la tua frase lancia un interrogativo interessante: ma Titty è maschio o femmina? Credevo maschio…
    Mint: adesso con la Colpo te la vedi da solo, eh? Io ho scordato il gelato sul fuoco…
    Zaub: letto!
    Gattosecco: tifi gatto, eh?
    Colpo #2: urca…

  26. ottobre 6, 2008 alle 18:25

    Mint, miracolo del tubo:

  27. ottobre 6, 2008 alle 18:26

    colpo, ho la vaga impressione che in quel ruolo Mint ci preferisca la Carfagna (mistress per ministress…)

  28. ottobre 6, 2008 alle 22:10

    Il fatto è che mi fa impressione il sangue.

  29. ottobre 6, 2008 alle 22:15

    mammamsterdam: infatti, è proprio quello il punto. I personaggi dei cartoni li abbiamo già visti varie volte affettati, schiacciati, esplosi, elettroshoccati e persino rendere l’animuccia. Quello che non si era mai visto è il sangue e, commentavamo con Pigrazia, è proprio quello a sconvolgere.

  30. ottobre 7, 2008 alle 11:22

    #27 pigrazia, il giovine mint ha fantasie masochistiche sulla ministress gelmini che lo mette in castigo, lo ha confessato sul blog di katika. del resto dopo il voto in condotta e il grembiule attendiamo a breve la reintroduzione delle punizioni corporali. qui per ogni ministress c’è un maxi-stress…

  31. ottobre 7, 2008 alle 12:38

    ah!

    Chiedo perdono, colpo, mi mancavano i riferimenti per comprendere i reali turbamenti del giovane Mint.
    Metto subito il grembiulino e le orecchie d’asino e mi inginocchio disciplinatamente dietro la lavagna.

  32. ottobre 7, 2008 alle 14:15

    noooo! così lo ecciti…

  33. ottobre 7, 2008 alle 14:23

    Pigrace, va bene anche la Gelmini con quello sguardo da porca.
    Hai visto che figata, Boston?

  34. ottobre 7, 2008 alle 17:19

    Mi viene in mente una cosa.
    ma mi sa che prima di commentare mi vado a ri-leggere il post di Zaub… che non avevo mica guardato il link che lei aveva segnalato!

    Torno…
    (sempre passando da Elasti, guai se dovesse chiudere, per non farmi una lista infinita di preferiti passo dai link che segnala!)

  35. ottobre 7, 2008 alle 17:19

    Ah sì…maggiorenne da pochi mesi
    (Due volte) 😛

  36. ottobre 8, 2008 alle 16:26

    io stò con willy

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: