Home > Uncategorized > Riflessioni solitarie

Riflessioni solitarie

Sei lì, in piedi, davanti al candore dello smalto, e ti dici:

Mi sa che stiamo esagerando con gli asparagi, ultimamente

Advertisements
  1. ottobre 8, 2008 alle 06:45

    a casa nostra succede in aprile e maggio

  2. ottobre 8, 2008 alle 06:46

    ci sono luoghi ed oggetti che aiutano il pensiero analitico tanto quanto l’affalto creativo. sono convinta che molto del progresso unamo ha avuto origine da una tazza di ceramica.
    ecco perchè non sopporto i wc a sospensione: gli mancano le basi teoriche.

  3. ottobre 8, 2008 alle 06:47

    afflato.
    umano.
    cciò i diti intrecciati.

  4. ottobre 8, 2008 alle 07:21

    bere più acqua!

    cinasasparagista

  5. ottobre 8, 2008 alle 07:35

    Puzza, eh….

    😉

  6. ottobre 8, 2008 alle 08:21

    Gli asparagi son mortiferi!
    That’s all.

  7. ottobre 8, 2008 alle 08:21

    il mondo non è mai lo stesso dopo una tegama di asparagi…

  8. utente anonimo
    ottobre 8, 2008 alle 08:54

    Immaginati l’effetto sul candore dello smalto, se il locale e’ cieco….

    pero’ gli asparagi sono cosi’ buoni e fanno tanto bene!!!!

    Vipera pignola

  9. ottobre 8, 2008 alle 12:02

    Mi lasciano fredda l’asparagi, non sono mai arrivata ad alcuna forma di smalto con loro.
    tutto ver gambo per quel cipiricchio in cima.
    E èpoi sono verdi. io detesto le cose verdi.

  10. ottobre 8, 2008 alle 12:08

    Mi fregano quasi sempre, soprattutto alla prima plin plin del mattino quando, rincoglionita di sonno, credo di essere morta e anche da un bel po’ finché non mi tornano in mente i veri colpevoli.

    (però quanto sono buoni!)

  11. ottobre 8, 2008 alle 12:44

    Pensa se bevi non pastorizzata… Sia davanti che dietro.

  12. ottobre 8, 2008 alle 13:02

    perché le barbabietole? vogliamo parlarne? lì, sì che ti viene ogni volta un coccolone!

  13. ottobre 8, 2008 alle 15:17

  14. ottobre 8, 2008 alle 15:47

    Beh, ecco una cosa che avevo letto da anni ma che non ho mai sperimentato (fonte: P. Artusi, La scienza in cucina e l’arte di mangiar bene):

    Il cattivo odore prodotto dagli sparagi si può convertire in grato olezzo di viola mammola, versando nel vaso da notte alcune gocce di trementina.

    Chi avesse un pitale, della trementina e un incrollabile voglia di scienza può farci sapere…

  15. ottobre 8, 2008 alle 18:21

    hahahaha…terribili, fetentissimi!Quella della trementina non l’avevo mai sentita…
    Cusèina

  16. ottobre 8, 2008 alle 20:51

    katika mi trova perfettamente d’accordo, sono reduce da una mega scorpacciata di barbabietole. Scarico diretto…

  17. ottobre 8, 2008 alle 21:18

    ecco cos’era quell’evacuazione oggi a Regent Street…

  18. ottobre 9, 2008 alle 00:28

    ahahah…io è un paio di settimane che mi faccio fuori un vasetto di haagen-dasz ogni 2 sere. Capisco bene quante riflessioni possa ispirare quello smalto

    palbi

  19. ottobre 9, 2008 alle 13:21

    ora m’è venuta una voglia di asparagi….

  20. ottobre 10, 2008 alle 15:17

    Complimenti per il tuo blog…perchè non mi inserisci tra i tuoi amici e mi linki?? Te ne sarò grata
    grazie!!!

  21. ottobre 10, 2008 alle 15:54

    Bost, eddài, diventa amico di Giangi!!!

  22. ottobre 10, 2008 alle 16:48

    ma chi? quel pervertito molestatore di scimmie?

  23. ottobre 10, 2008 alle 17:34

    uaaahhh, si è beccato il virus pure boston!

  24. ottobre 11, 2008 alle 03:00

    Giangi, complimenti per la perseveranza. Perché non mi pratichi quell’attività che ti ho già suggerito l’altra volta? Te ne sarò grato, grazie.
    Xanthippe, vai pure avanti tu… 😉
    Colpodicoda, esattamente.
    Kat, è addirittura recidiva qui!

  25. ottobre 12, 2008 alle 10:43

    Boston… che bei ricordi! agosto 2007 vedi foto su http://digilander.libero.it/felipegonzales/massachusetts07/index.html

  26. ottobre 12, 2008 alle 15:00

    Bostie, vienivieni da noi che siamo private e al sicuro dai Giangi. Nella nostra casetta di mattoni ci sarà sempre posto per i Bostoniani, tipo i Tre Porcellini (in particolare io e Davide siamo tondi e rosei uguale).

    Rita

  27. ottobre 13, 2008 alle 15:51

    Felipegonzales: e belle foto!
    Rita: uhm… lo so che sei tutta un’altra cosa, ma lo stesso mi fai pensare tanto a Neri Marcorè quando fa Casini e dice alla Dandini: “Vieni anche tu, nel grande centro!”

  28. ottobre 15, 2008 alle 22:59

    puzzano da schifo!

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: