Home > Uncategorized > La fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo

La fortuna è cieca ma la sfiga ci vede benissimo

Vado ordunque a elencare:

  • Ieri sera, la scuola di Davide aveva anticipato appositamente l’evento natalizio perché potessimo partecipare. L’invito diceva: "mostra collettiva dei disegni dei bambini, ore 6-8". Ci presentiamo alle 7.10. Salta fuori che era una specie di recita, era già finita e stavano tutti sulla porta.
  • La notte, Davide tossisce come un mantice. Lo teniamo a dormire con noi, combattendo per ogni centimetro quadrato di cuscino. Verso le quattro e mezzo, alla decima zuccata, mi arrendo e monto il lettino e finalmente IO riesco a dormire (Pigrazia no)
  • In ogni caso, Davide scotta. Termometro. Centodue e sei. Cioè? Trentanove e due. Vai col tylenol.
  • Stamattina, con Davide che sta male, non si può portarlo a scuola. Noi dobbiamo lavorare entrambi a tappeto, Pigrazia in particolare è funestata da problemi e, ognuno che ne chiude, se ne aprono due.
  • Davide OVVIAMENTE non può stare tranquillo, visto che ci farebbe un gran comodo, anzi: dimentico delle magagne notturne, saltapicchia e si impiccia di tutto, tutto smonta, tutto nasconde e tutto assaggia. Trovata la bottiglia del Benadril e appurato che non è stata chiusa bene, si attacca a canna (Pigrazia è rapidissima a cacciargli un dito giù per la carotide e farlo vomitare, cosa che lui non gradisce proprio). Il centro antiveleni per fortuna conferma che il dosaggio non è ancora preoccupante.
  • Alle undici ricevo un’email: "Ma viaggiate con Alitalia? Perché ho visto che, in seguito alle agitazioni, hanno cancellato il Roma-Boston…" Chiamo Delta, con cui PER FORTUNA abbiamo acquistato il biglietto. Non sanno nulla. Il sito Alitalia sostiene che tutto è regolare. Pare che ieri sera non sia partito il Boston-Roma, che potrebbe significare che l’aereo è qui e, anche se è saltato il Roma-Boston, il nostro POTREBBE anche partire.
  • Siamo alle ultime battute col taxi in arrivo, il sito Alitalia che ancora dice tutto regolare, il lavoro piantato a dove si può e il pranzo saltato. In qualche momento nella mezz’ora precedente, Davide deve aver trovato il cellulare italiano di papà, preparato assieme a soldi, passaporto e biglietti. In effetti il cellulare ha tutt’altro fascino quindi, ignorate le altre cianfrusaglie, lo nasconde in un posto sicuro. Non verrà più ritrovato (essendo spento). Naturalmente, quel cellulare trabocca letteralmente di numeri di importanza vitale.
  • Arrivati in aeroporto, ci accoglie trionfale l’annuncio che il volo è cancellato per davvero. Non resta che farci cambiare il volo a un altro giorno e altro vettore, perdere altri due giorni qui – esponendoci al rischio delle tempeste di neve in arrivo da stanotte – e tornarcene a casa. Il cambio del volo porta via solo un’altra oretta, che qui le cose si fanno CON CALMA.
  • Davide gioca con la bilancia delle valigie al banco. Per convincerlo a scendere, Pigrazia lo prende per una mano. Davide cade e si storce un braccio. Strilla come un’aquila per un buon cinque minuti.
  • Altro taxi per tornare a casa. Alla fine, far fare a sei valigie e due persone e un po’ la passeggiata turistica in aeroporto costerà 120 dollari, cent più, cent meno.
  • A casa, Davide tiene il braccio inerte lungo il corpo e non se lo fa toccare. Solita telefonata al solito centro medico che prenota la solita visitina al pronto soccorso, dove gli faranno fare "pop" al gomito per rimettere a posto l’articolazione. Pigrazia, sull’orlo delle lacrime da stamattina, guarda fisso nel vuoto con la bocca che sorride e gli occhi disperati, espressione che indica crisi profondissima.AGGIORNAMENTO: mentre vestivamo il piccolo commediante ci siamo accorti che il braccio era tornato a posto da solo. Per ora, niente pronto soccorso. Speriamo vivamente di risparmiarci almeno questa…

Si capirà che a uno non resta molto da fare: o prendere un mitra, andare in un posto affollato e iniziare a sparare a tutti urlando e piangendo, o farci su un post.

  1. dicembre 19, 2008 alle 01:32

    … e che bello questo blog. =)

  2. dicembre 19, 2008 alle 04:44

    ma ma MA!!!! quello che avevo saputo poco fa era nulla!
    poveri, tutti e tre.

    mi spiace tannnnnto

  3. dicembre 19, 2008 alle 06:34

    E una benedizione da un prete ricchione, come si dice dalle mie parti?

    Mettiamola così: avevate un certo budget di sfighe. Con questa le avete spese tutte. Da adesso non può andarvi che bene.

  4. dicembre 19, 2008 alle 06:52

    mi proccupa solo il dito giù per la carotide.

  5. dicembre 19, 2008 alle 07:12

    era il gargarozzo di sicuro
    respirate a fondo e dormicchiateci su
    buon viaggio nonostante

  6. dicembre 19, 2008 alle 07:12

    o mamma, ma lalide quest’estate era così tranquillino…. ma la febbre? certo che voi ci sarete abituati, ma la febbre a 103 mi fa venire un attimo di angoscia….
    Passate dalla toscana? (sempre che riusciate ad arrivare in Italia…)

  7. dicembre 19, 2008 alle 07:57

    Sottoscrivo la proposta di Xanthippe. Mi sa che è proprio quello che vi serve.
    Augurissimi ed un grosso bacio a tutti e 3 e speriamo che la sfiga sia finita.
    (Una cosa positiva c’è: avrai avuto il tempo di cercare bene il cellulare con i numeri importantissimi…)
    Bye. L. HD

  8. dicembre 19, 2008 alle 08:01

    accidenti, e io che credevo di aver raggiunto l’apice della sfiga in questi ultimi giorni… No no, mi faccio da parte. :)))

  9. dicembre 19, 2008 alle 08:09

    Ecco, a mo’ di (scarnissima) consolazione, volevo anch’io dire che almeno hai il tempo di ritrovare il cellulare.
    Lo so, poca roba in confronto a questo mucchio di sfighe concentrate :(((

  10. dicembre 19, 2008 alle 08:24

    Ommadonninasanta, e io che ti aspettavo trepidante, anche se priva del cellulare col tuo numero perchè a me, invece, l’ha fregato uno del mestiere.Dì a Pigrazia che non è un’orchessa smembra bambini, ai piccoli sta cosa del braccino capita spesso, anche facendo un innocuo “vola vola”.baci Cuséina

  11. dicembre 19, 2008 alle 08:26

    omammamiabella!!! Veramente una serie di eventi in grado di annientare anche Hulk!!! Povera Pigrazia, chiià come si sarà sentita in colpa per il braccio di Davide, per fortuna sembra tutto apposto…
    ma Il vostro piccolo è uno tsunami!!!

    Per fortuna hai scelto di scrivere il post e non di fare come in un giorno di ordinaria follia!!!

  12. dicembre 19, 2008 alle 08:27

    si, hanno ragione. se riesco domani passo a cercare il cellulare a casa vostra mentre voi finite quelle due cosucce da niente che avrete da fare con dado modalita’ auto-sterminantesi in corso.

    tempesta di neve permettendo.

  13. utente anonimo
    dicembre 19, 2008 alle 08:33

    in effetti meglio farci un post…

    baci solidali
    mt

  14. dicembre 19, 2008 alle 08:41

    E’ come se in determinati periodi dell’anno voi accumulaste tutta la sfiga in budget per i seguenti 12 mesi. Oh, magari è un investimento.

    Non serve a una cippa ma comunque noi qui vi vogliamo tutti tanto bene, eh.

    Rita

  15. utente anonimo
    dicembre 19, 2008 alle 08:43

    cos’è, la vendetta dell’agnello?
    coraggio, bostonfamily, non può che andare meglio adesso (però, per precauzione, procuratevi uno di quei bei cornoni giganti che fanon a napoli). baci e buon viaggio
    katika
    p.s.:avresti una mail, magari vi fa ridere.

  16. dicembre 19, 2008 alle 09:01

    ah, comunque, sempre meglio il cellulare del passaporto, direi…

  17. dicembre 19, 2008 alle 10:38

    ehm, direi che è già successo di tutto quindi non può che andare meglio. dai dai suuuuuuuuuuuuuu.

  18. dicembre 19, 2008 alle 13:00

    E’ sicuramente l’agnello che si vendica.
    Bacio a Pigrazia e uno sculaccino a Davide, che se lo merita 😀

  19. dicembre 19, 2008 alle 13:00

    io avrei usato il mitra. Perchè conoscendomi, se ci avessi fatto un post lo avrei infarcitop di bestemmie, e la cosa avrebbe potuto turbare qualcuno. Chi riceve una mitragliata, invece, di solito non si lamenta.

  20. dicembre 19, 2008 alle 14:12

    Hai tutta la mia solidarietà. Certo, io non devo attraversare l’oceano ma l’idea di dover tornare in Sicilia con un volo Alitalia che non so se verrà cancellato o meno mi mette addosso una tale agitazione…Comunque io ho promesso a me stessa che nel momento in cui avrò dei figli le trasferte natalizie verranno cancellate.

  21. dicembre 19, 2008 alle 14:37

    … ammappete!

    un abbraccio di solidarietà virtuale a tutti e tre… uff no…ecco l’abbraccio è virtuale, la solidarietà assicuro che è reale, per quanto possibile da un post!

  22. dicembre 19, 2008 alle 15:37

    Lemurakkia: grazie, ci si prova!
    sullepunte: e se ti dicessi che oggi era anche chiusa la scuola di Davide per l’emergenza neve?
    xanthippe: la frase apotropaica mi piace assai. Per il resto, che gli dei superni della sfiga ti ascoltino bene e si mettano una mano sulla coscienza (che io me la metto sulle palle, hai visto mai…)
    cinas: lo ha recuperato intatto, nessun problema
    yetbutaname: grazie, proveremo
    tortadimele: naaa, non preoccuparti, tutto a posto. No, quest’anno niente toscana, tanto più che ci sono stati segati ‘sti due giorni…
    Lemny: mi hai ricordato che devo andare a ravanare nella spazzatura (tocca provarle tutte…)
    lisa2007: non esiste un limite alla sfiga!
    ESSE: infatti… 😦
    LaCusèina: a proposito: visto che per ora non esce fuori, fai riferimento al cellulare di Pigrazia, se lo hai, se no ci trovi al numero della mammazìa.
    federchicca: no, pensa che anzi è un bambino relativamente calmo! I veri terremoti sono da suicidio…
    tortadimele: non posso che concordare!
    diVerde: speriamo! Che quando si tocca il fondo di può sempre scavare…
    sullepunte2: sei più che benvenuta come sempre, tempesta permettendo!
    MT: vero, eh?
    Rita: sì, capisco come si possa dare quell’impressione… Comunque, non è vero che non serve a una cippa
    Katika: ho risposto, grazie!
    ViperaVenerea: probabile (beeeh). Purtroppo, legnare Davide ora servirebbe a poco. Come faccio a fargli capire “È per il cellulare”?
    gattosecco: ti assicuro che non ne ho messe nel post, ma di omelie ne ho recitate
    CarolineH: ci è passato per la testa anche a noi e non solo questa volta, ma faremmo morire di crepacuore un paio di persone
    Volare85: grazie!

  23. dicembre 19, 2008 alle 22:16

    già, se ti avesse perso il passaporto, te lo dico io che lo so (anche se a me lo han rubato), saresti dovuto andare dai carabinieri di Boston a fare denuncia, al consolato a farti dare un foglio di via (che di solito rilasciano COMPLETAMENTE in italiano, all’aeroporto di Warszawa mi han guardato come dire “e con questo pezzo di carta che ci faccio…?”, poi arrivare a Roma, fare una traduzione giurata della denuncia, e mi sa che questa sarebbe stata la parte meno complicata per voi, fare richiesta di nuovo passaporto e aspettare, che poi in questo periodo immagino lo rilascino in un paio di giorni, o di mesi…
    QUINDI PERFAVORE TIENILO IN UN POSTO ALTO!!!

  24. dicembre 19, 2008 alle 22:27

    Come niente da fare??
    Dovete cercare il cellulare…

  25. dicembre 20, 2008 alle 04:19

    ok, mi hai convinto. Niente bimbi x almeno un’altra decina d’anni

    palbi

  26. dicembre 20, 2008 alle 14:19

    per il 2009 avete già dato…vi è capitata concentrata tutta la sfiga di un intero anno…su su che adesso è in discesa 😀

  27. dicembre 20, 2008 alle 15:25

    Ahahhaah…ehm…chiedo scusa!! So che avrei dovuto scrivere un commento ad hoc, magari di “circostanza”, ma non riesco a non ridere all’idea di Davide che nasconde il telefonino!!! Che genio!!! ^_^

    Coraggio…l’Italia vi aspetta!!!
    Auguroni di Buone Feste e buon viaggio!! :))))

  28. dicembre 20, 2008 alle 16:12

    Sto ballando la danza antisfiga per voi. Coraggio.

  29. dicembre 20, 2008 alle 17:43

    Mi hai sinceramente impressionato.
    E ti assicuro che non è facile.
    BuonaFortuna.

    saluti.

  30. dicembre 21, 2008 alle 16:59

    Aoh ndò state? Ndò nnate? Ma se vedemo aRoma?Ce stà a Sarvietta che v’aspetta, e io pure eh!!!

  31. dicembre 22, 2008 alle 13:51

    bastava il volo cancellato a mandarmi in palla, dopo quoto #25!

  32. dicembre 23, 2008 alle 15:30

    ti prego, facci sapere se ritrovi il cellulare, ma, soprattutto, qual’è il posto sicuro. tuo figlio è un mito

  33. dicembre 23, 2008 alle 16:25

    amori miei madonna che angoscia!
    vi voglio bene!

  34. dicembre 28, 2008 alle 16:11

    Il colpo di coda del 2008, vuol farsi ricordare.
    Auguri, Bostoniani.

  35. dicembre 29, 2008 alle 18:22

    buon anno bostoniani!

  36. dicembre 30, 2008 alle 10:47

    Auguri di buona fine e miglior principio!
    (come si dice dalle parti nostre ;D)

  37. dicembre 30, 2008 alle 12:27

    meno male che hai scelto di scrivere un post! 🙂
    Spero che trascorriate vacanze serene e vi auguro un Felice Nuovo anno

  38. dicembre 30, 2008 alle 12:36

    tortadimele: ho provveduto!
    guioo: provveduto anche a quello!
    palbi: ma no, se invecchi troppo è peggio, dopo ti mancano le energie
    monna: che gli dei della sfiga ti ascoltino (in realtà non lo hanno fatto, ma piantiamola qui)
    sussurrodifata: grazie!
    salvietta: dovevi ballare un po’ di più! 😉
    loading: se avevo bisogno di ulteriori prove, questa tua dichiarazione lapidaria mi fa capire che è vero: abbiamo avuto una serie di sfighe davvero notevole.
    Holymeet: scrivo a cose ormai fatte! 😉
    pois: quoto la mia risposta al 25! Vabbè che sei ancora giovane…
    lucylhu: trovato. Era finito in piedi sotto un termosifone.
    Pillow: anche noi 🙂
    mint: e pensa che, grazie al colpo di coda, ci siamo persi la Colpodicoda… 😦
    Exp: altrettanto! Che ti porti tanti bei programmi di cooperazione tranquilli, riusciti e senza cagotti!
    ProfAntigone: grazie, altrettanto e attenta ai botti
    sunflower: troppo vigliacco per fare altro ;-). Lo speriamo anche noi, per ora posso solo lamentarmi degli eccessi alimentari (come credo più o meno tutti). Altrettanto a te!

  39. gennaio 5, 2009 alle 23:25

    ciao Boston! Mi rifaccio viva dopo un intenso periodo di studio interrotto solo tra il 24 e il 26 dicembre per augurare a tutta la famigliola un buon Natale in clamoroso ritardo e un buon 2009 con meno gite sia in aeroporto che al pronto soccorso, e più ristoranti, cenette, Italia, feste dell’asilo riuscite, cene aziendali di lusso, amore, pace, fantasia creatività concerti etc etc… 🙂

  40. gennaio 7, 2009 alle 15:30

    Ciao Cilidif, stavo pensando giusto qualche giorno fa che non ti si vedeva da un po’. Ricambio tutti i molto ben valutati auguri!

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: