Home > Uncategorized > Soddisfazioni della paternità

Soddisfazioni della paternità

A volte, è bello essere genitore. Ad esempio, quando ti guardi questa roba qui con tuo figlio sulle gambe

e lui se la ballicchia tutta per poi dirti, alla fine, "vojo tentire ancORA!"

  1. utente anonimo
    dicembre 10, 2009 alle 20:07

    "A volte è bello essere genitore" suona come un magnifico lapsus.
    E le altre?

    F.

  2. dicembre 10, 2009 alle 20:23

    F.: e le altre ha fatto la cacca nel pannolino, si è ammalato nel fine settimana, ha sfasciato irrimediabilmente qualcosa di caro e altre meno piacevoli realtà. Scherzi a parte, buona osservazione. Diciamo che "A volte uno si ricorda che è bello essere genitore"

  3. dicembre 10, 2009 alle 22:29

    Grandissimo Amadeus Kusturica.

  4. utente anonimo
    dicembre 11, 2009 alle 08:32

    Ho tre bimbe… sottoscrivo in pieno quel "a volte"!

  5. dicembre 11, 2009 alle 08:57

    Ma.. "a volte" spesso o "a volte" poco?
    No, perchè… volendo intraprendere la carriera anch’io, meglio che mi informi per bene prima!😉

  6. dicembre 11, 2009 alle 12:32

    il video è da scompisciarsi. il bello è che sono musicisti veri e, mi pare, talentuosi, non solo comici.

  7. utente anonimo
    dicembre 11, 2009 alle 14:07

    In realtà chiedevo per lo stesso motivo di Alkanette.
    No perchè vista da fuori la faccenda sembra SPESSO molto poco allettante (dico in generale eh, niente riferimenti personali), e mi pare che anche il secondo non-lapsus confermi?

    F.

  8. dicembre 11, 2009 alle 14:30

    Mint: :-)
    Anonimo: tu sì che capisci!!!🙂
    Katika: li trovo una fantastica scoperta. Forse un giorno dedicherò un post al perché, ma fondamentalmente per i motivi che dici
    Alkanette, F.: penso che la percezione del problema sia estremamente personale. Le emozioni positive però sono qualcosa di indescrivibile. Non posso dirvi se per voi ne varrà la pena, ma per me non si pone neanche la domanda. Al di là dei lapsus.

  9. dicembre 11, 2009 alle 15:51

    Eh per non parlare de  "vojo" mostrando di apprendere già i rudimenti dell’idioma paterno.🙂

  10. dicembre 15, 2009 alle 00:23

    Spiritosoni tecnicamente bravi. Ma questo non li salverà dalla dannazione eterna. 

  11. dicembre 15, 2009 alle 00:25

    P.S. Fagli sentire quella vera: è un tipo sveglio e apprezzerà.

  12. dicembre 15, 2009 alle 00:54

    Meche: eppure io ti dico che sono gli spiritosoni che salveranno la musica classica dai serissimi che l’avevano quasi morta. I grandi del passato non avevano paura di giocarci!

  13. dicembre 15, 2009 alle 10:56

    Mercedes, sei un’oscurantista.
    Mozart era un giocherellone, Tourette docet.

  14. dicembre 15, 2009 alle 12:32

    Sono assolutamente favorevole alla diffusione della musica classica e gli strumenti giustificano i mezzi. Purtroppo hai beccato il mio mostro sacro e quindi non potevo non chiamarli blasfemi. Ma non era una critica aspra sul serio… c’era anche il diavoletto!

  15. dicembre 15, 2009 alle 18:22

    Il tuo mostro sacro? Mozart? Stando alle voci, era più cazzone di loro. Pensa alla cena di Don Giovanni, che lui è lì che mangia, l’orchestra attacca "Non più andrai farfallone amoroso" in versione strumentale e lui prende a cantarci sopra "Questa poi la conosco pur troppo", e a tutta la scenetta che poi segue fra lui e Leporello che si è mangiato un pezzo di fagiano di nascosto. Secondo me, si sarebbe divertito da pazzi. O avrebbe cacciato Joo dal piano per mettersi a fare il coglione lui.

  16. dicembre 15, 2009 alle 18:23

    (PS: Mozart è il mio mostro sacro, fra l’altro! )

  17. dicembre 16, 2009 alle 00:09

    Non Mozart! La Marcia Turca!🙂

  18. dicembre 17, 2009 alle 02:05

    AAAAHAHAHAHA sì mai sai che vengono a Bologna? Non ricordo quando, l’ho visto sul loro sito qualche tempo fa, mi pare a Marzo.
    Ho visto il loro DVD, fa scompisciare. Più Joo che Igudesman, ma fa niente.
    Ad ogni modo, scusate se mi intrometto, ma non sono tanto sicuro che loro facciano questa roba per diffondere la musica classica, né che lo facciano con la leggerezza di un blasfemo. Penso che abbiano la vena comica e che siano dei buoni musicisti (Joo se non sbaglio l’ho visto con Ughi, possibile? Boh) e che abbiano fatto 2 + 2 che se non ricordo male fa 4.
    Ma poi magari no.

  19. dicembre 17, 2009 alle 03:06

    Nonmisai: beato chi ci può andare! Comunque, non lo fanno né per diffondere la musica classica né perché hanno fatto due più due, o almeno non solo. La ragione fondamentale è un po’ più triste: per molti musicisti classici anche di livello ottimo, l’unico modo di suonare regolarmente e sbarcare il lunario è inventasse ‘na cosa. A loro ha detto bene che la cosa che si sono inventati diverte e li diverte così ovviamente. Confermo che loro sono ottimi musicisti: Igudesman esce dalla scuola di Yehudi Menhuin, non esattamente pizza e fichi, e Joo l’ho visto suonare il Carnevale degli Animali con un po’ di gente non proprio di second’ordine (al violoncello, Misha Maisky)

  20. dicembre 17, 2009 alle 15:34

    Beh d’altronde anche talentuosissimi musicisti come Marilyn Manson e Courtney Love si sono dovuto commercializzare (HAHAHAHAH!).
    E’ vero, è al Carnevale che c’era Joo, non era con Ughi. Bene, bravo, diffondiamo conoscenza che nel Web ce n’è molto bisogno.

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: