Home > Uncategorized > Sottoprodotti

Sottoprodotti

Giappone. Tragedia di dimensioni inenarrabili. Non potrei essere più solidale.

Ma un sottoprodotto indiretto della tragedia: la Libia è uscita dagli schermi radar dei media. Se uno va a vedere che cosa sta succedendo, Gheddafi sta ribaltando la situazione alla grande grazie a operazioni mediatiche e interventi militari ad alto tasso di macelleria che l'Occidente, dopo aver incitato i ribelli a farsi valere, non sta facendo nulla per impedire.

Sottoprodotto direttissimo, anzi assolutamente strategico, del conflitto interno: Gheddafi si è ripreso Ras Lanouf, località chiave per il commercio del petrolio.

Sottoprodotto della battaglia per la riconquista: un incendio cospicuo nelle installazioni di stoccaggio del kerosene.

Sottoprodotto inaspettato di questo incendio: un appello all'ENI perché dia una mano a domarlo.

Sottoprodotto di questo appello: un'insperata (da lui) posizione di forza di Berlusconi in un momento in cui Gheddafi aveva promesso fuoco e fiamme, che ora probabilmente deve rimangiarsi.

Sottoprodotto potenziale di tutto ciò: Berlusconi gioca bene le sue carte, per una volta fa davvero la figura di uno che a livello internazionale sistema le cose e stabilizza la sua posizione in Italia per qualche altro punto percentuale. I potenziali sottoprodotti futuri possiamo solo immaginarceli.

Che dire, spero che la catena di sottoprodotti si fermi prima.

  1. marzo 14, 2011 alle 19:12

    mi dispiace per i giapponesi, più di tutto
    per il resto ci si preoccupa
    chissà dov'era la farfalla che ha battuto le ali

  2. marzo 15, 2011 alle 15:06

    Yet, più che altro doveva essere un condor.
    Mancano solo Godzilla e Biollante e stanno a posto.
    Per il resto, Gheddafi ha mostrato l'antica faccia.

  3. marzo 15, 2011 alle 18:49

    Concordo con Mint anche se, più che un condor, l'immagine che mi viene in mente è un qualche demonio con le alone da pipistrello. Yet, hai ragione. Per i libici mi spiace altrettanto che per i giapponesi, ma ovviamente è sempre per le persone che dispiace di più.

  4. marzo 15, 2011 alle 19:56

    tutto questo discorso che hai (avete) fatto, dimostra una volta di più come a prenderlo nell'ano siano sempre le stesse persone, mentre pochi potenti tentano di trarre profitto. e in questi momenti è da sciacalli.

  5. marzo 16, 2011 alle 21:30

    Tutto ciò mi procura un certo disagio.

    ( Ho tolto le parolacce e le insinuazioni di bassa lega sulla condotta dei protagonisti e mi è rimasto solo questo, scusate)

  6. marzo 16, 2011 alle 21:48

    Ah, beh… al riguardo non ho più saputo nulla, in compenso Frattini sta rivendicando la saggezza dell'iniziale linea attendista dell'Italia, visto che a conti fatti nessuno è stato in grado di fare di più. Ora, il fatto che l'Occidente abbia fatto fuoco e fiamme a parole e adesso stia facendo una figura vergognosa nei fatti, stando lì a guardarsi l'ombelico mentre Gheddafi si riprende il paese, è una cosa. Che fosse sbagliato, un'altra. E non mi si vengano a dare lezioni sull'autodeterminazione dei popoli e l'impossibilità di intervenire: tutte le volte che c'è stata una diretta convenienza, l'intervento c'è stato. L'unica differenza qui è che i paesi con la diretta convenienza non hanno le capacità militari per intervenire, se no lo avrebbero fatto. E agli altri non interessa.

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: