Home > Uncategorized > Se dovete tener traccia del vostro lavoro…

Se dovete tener traccia del vostro lavoro…

…usando un sistema in cui immettere le vostre attività, un consiglio spassionato di chi ci è passato (ed è recidivo): non rimanete indietro di vari mesi.

  1. settembre 26, 2011 alle 20:12

    Che poi, niente di peggio di vedere l'ultima data "5/8", pensare che il cinque agosto non sia poi tanto male, e rendersi infine conto che in USA si mette prima il mese… e quindi va letto otto maggio

  2. settembre 26, 2011 alle 20:39

    Porca di quella puttana, se sapessi che non è (per corrispondenza privata, intendo) direi che avremmo il cordone ombelicale più lungo del mondo.

  3. settembre 27, 2011 alle 06:53

    è un po' come cancellare le tracce, i nemici si confondono

  4. settembre 27, 2011 alle 11:00

    ahahahahahahah, ne so qualcosa anch'io. Per fortuna ne sono uscita.
    (Non dalla recidività, ma dall'obbligo dell'utilizzo del sistema)

  5. settembre 27, 2011 alle 13:23

    Mint: capita di pensarlo, eh?
    YBAN: già. Il problema è quando ti sei confuso anche tu e il tuo capo non ammette scuse!
    MissCaroline: ne sei uscita? E come? Sei diventata tu il capo?

  6. settembre 27, 2011 alle 16:20

    No Bostoniano, semplicemente non lavoro più dove utilizzavano quel sistema di tortura.

    Ai tempi, ricevevo sistematicamente email di sollecito da parte dell'amministrazione per vai degli arretrati.

  7. settembre 27, 2011 alle 16:29

    Non è che sia proprio la stessa cosa ma…ti assicuro che anche rimanere indietro con il proprio registro (da insegnante) è DECISAMENTE dura!!!

  8. settembre 27, 2011 alle 18:27

    MissCaroline: beata te! Che poi, tranne che per il primo posto dove ho lavorato, si è sempre trattato di una spiacevole novità inserita a un certo punto. E una barzelletta: non si compila in base al reale ma in base a quello che non fa preoccupare il management. Se no, non c'è un problema che va risolto, ma una tua colpa.
    Lavitasecondovale: non stento a crederlo: QUALSIASI registro è una rottura di scatole

  9. settembre 27, 2011 alle 21:29

    il tuo aggiornamento è quasi come il mio blog… non si postano strafalcioni di realtà, ma piccole cose che non facciano venire l'ansia a chi legge.
    Tolto che non averci lettori facilita la cosa, manco quando ho accennato ad un'ambulanza chiamata per nonna mi hanno chiesto qualcosa, pensavano fosse il solito post scemotto con riferimento telefilmico.
    O tengo tre lettori paricolarmente somari, o io sono bravissima a dissimulare.
    E… propendo per la prima.
    Visto che nessuno dei tre ha lasciato gli auguri per mio fratello!
    Distratti che sono.

  10. settembre 28, 2011 alle 12:55

    io sta sera faccio pasta e patate. Suggerimenti?
    (ok concentrato di pomodor, ok cipolla, ok spaghetti spezzati. altro?)

  11. settembre 28, 2011 alle 13:45

    Stasera si scrive tutto attaccato.
    (Fugge rapidamente dopo aver bruciato sul tempo bost e le sue correzioni!)
    Per il lato cucina, meglio se scappo e basta.😀

  12. settembre 28, 2011 alle 14:09

    è vero. ma word non sempre se lo ricorda.
    guarda bene: c'è anche pomodoro senza una "o"!
    poi puoi anche andare dove credi.

  13. settembre 28, 2011 alle 14:27

    Pillow: a me mi ci piacciono più altri tipi di pasta (gli spaghetti spezzati mi stanno antipatici, non se ne stanno mai tranquilli nel cucchiaio e poi non ci sono quando ti servivano interi). Al di là di quello, mi sento di raccomandare: carotina, sedano, pezzetto di cotenna di prosciutto, una quantità smodata di croste di parmigiano.

  14. settembre 28, 2011 alle 14:36

    tu sei il mio guru!!

  15. settembre 28, 2011 alle 14:50

    Pillow: LOL! Guarda, in realtà l'autorità indiscussa in materia di pasta e patate è Pigrazia. Io sono solo un umile imitatore, neanche tanto bravo

  16. settembre 28, 2011 alle 15:02

    alla dolce Pigrazia dovrò chiedere, a brevissimo, un paio di cose in merito a pasta e fagioli (io la faccio eccellente, ma sono certa che da lei, sulla fagiolata, posso solo imparare) e su riso e patate (dal procedimento oscuro ed insidiosissimo)

  17. settembre 28, 2011 alle 18:01

    hai presente che cosa può voler dire aggiornare un registro di scuola due volte l'anno???!!! 

  18. settembre 28, 2011 alle 18:54

    Povna: come dicevo sotto a Lavitasecondovale, non ne ho esperienza diretta ma non stento a credere che sia un'esperienza di tutto rispetto

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: