Home > Uncategorized > La comodità è un fatto relativo

La comodità è un fatto relativo

Io, per esempio, a dormire così starei scomodo

  1. ottobre 11, 2011 alle 14:14

    Una posizione del genere prevede, come conditio sine qua non, il lavaggio dei piedi.

  2. utente anonimo
    ottobre 11, 2011 alle 14:21

    caro…

  3. ottobre 11, 2011 alle 14:21

    ha un futuro come insegnante di yoga

  4. ottobre 11, 2011 alle 15:14

    è una foto stupenda

  5. ottobre 11, 2011 alle 15:15

    che bello – è il piccolo, vero?
    magari s'era seduto per poi alzarsi e invece è crollato
    ha un futuro come contorsionista, oltre che come insegnante di yoga 

  6. ottobre 11, 2011 alle 15:35

    Oddio, sniffa i piedini e crolla! Meraviglioso.

  7. ottobre 11, 2011 alle 15:57

    Xan: non lo so, sai? Un antico proverbio irlandese recita "Everyone likes the smell of their farts". Capisco che qui si tratta di piedi e non di peti, ma il concetto è simile
    Anonimo:🙂
    Eleonora: se continua a esercitarsi. Se no, diventa un'asse da stiro ricoperta in gommapiuma, come il padre
    Cinas: grazie, prova che, se il soggetto ti ispira davvero, escono pure col telefonino. Anche se non è un iPhone ma un Android qualunque
    YBAN: sì, è Alessandro. Davide è ancora molto flessibile ma non so se fino a questo punto. In realtà la storia è che, dopo un quarto d'ora di frigne, mi è crollato addosso. L'ho rimosso con molta attenzione (ha il sonno molto più leggero del fratello), si è agitato un po', poi si è messo così e così è rimasto fino a che non si è svegliato
    Kat:🙂

  8. ottobre 11, 2011 alle 16:16

     dio! ma è meraviglioso!!!!

  9. ottobre 11, 2011 alle 16:22

    Mai avuto una spiegazione migliore della teoria della relatività.😀
    Troppo bella sta foto!

  10. ottobre 11, 2011 alle 16:40

    tato, ma e' grandissimo!
    (oh, cmq io cosi' ci posso dormire, e' che poi per una settimana la schiena mi suona come un bastone della pioggia)

  11. ottobre 11, 2011 alle 17:10

    fantastico. se mi addormento così (cosa di per se impossibile) dopo rimango chiusa a valigetta
    mari

  12. ottobre 11, 2011 alle 17:17

    Mi permetto di dissentire.
    I piedi e i peti quando puzzano puzzano.
    Sennò esisterebbe un "Ogni pirito addora 'a mamma soia"…😀

  13. ottobre 11, 2011 alle 18:43

    Secondo me l'hai smontato e rimontato tu dopo che si era addormentato, giusto per fare la foto del secolo…😉

  14. ottobre 11, 2011 alle 19:00

    ma…è semplicemente meraviglioso!Beati loro, che quando sono stanchi dormono anche appesi per gli alluci..!Besos Cusèina

  15. ottobre 11, 2011 alle 19:35

    Pillow:🙂
    Volare: he he he, possibile che Einsteni dormisse così, comunque
    Sullepunte: evvabbè, grazie… dico dormire così E alzarti che sei a posto
    Mari: io non arriverei neanche a tenere la schiena in verticale…
    Xan: esiste, come ti ho detto, solo che si usa nella Napoli celtica e non in quella greco/latina
    Winter: he he he, potrei lavorarci una settimana senza riuscire a metterlo così bene!
    LaCusèina: e pensa che Alessandro è quello difficile…

  16. ottobre 11, 2011 alle 20:58

    ussignur ^^

    palbi

  17. ottobre 12, 2011 alle 08:01

    Come disse un mio amico una volta con aria di sufficienza: "Ma suuu, lo sanno tutti che i bambini sono fatti di lattice!!!"

    Quella roba mica riesce, se hai le ossa!!!

    Rita-che-guarda-sempre-con-orgoglio-e-affetto-agli-esseri-di-sola-ciccia

  18. ottobre 12, 2011 alle 14:33

    Palbi:🙂 Ah, io e te si deve riparlare di Tumblr. Sto faticando di bestia a far partire Disqus (come attestano i commenti al prossimo post)
    Rita: le ossa sono il meno, sono i tendini che proprio non ne vogliono sapere!

  19. ottobre 13, 2011 alle 06:32

    Anche lì vedo guanciotte e piedini zuccherosi. Questa foto vincerebbe le olimpiadi della tenerezza. Certo che fate bimbi proprio belli!!!
    Bye. ZiaLemny.

  20. ottobre 14, 2011 alle 16:19

    Lemny:🙂 ce lo dicono, in effetti, e concordiamo; ma questo è l'ultimo! 

  21. novembre 15, 2011 alle 08:02

    oh, continua a mettere allegria, sto bimbo e sta foto.

    • novembre 15, 2011 alle 12:03

      🙂 Ciao Cinas, mi fa piacere vederti. Spero che passerai anche su Tumblr, ho foto simpatiche anche lì (d’ora in avanti, SOPRATTUTTO lì)

  1. No trackbacks yet.

Emmò, ariccontateme quarcosa VOI!

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: